> NEWS
 
info@unavitaperilcinema.it
 
HOME
 
News
 
 
 
Una Vita Per il Cinema
 
 
Italy by Italy - Vera Ospitalita' Italiana
 
Ebook Planet
Un pò di tutto sui libri elettronici
www.ebookplanet.it
 
 
 
 
 
 
IN SCENA A ROMA "SOGNO DI UN A NOTTE DI MEZZA ESTATE"
La Compagnia Teatrale Anime di Carta in un giardino di cristallo presenta “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare -
Traduzione, adattamento e regia di Emanuela Petroni - in scena a Roma Venerdì 27 e Sabato 28 Giugno alle ore 21,00 presso il TEATRO SANTA CHIARA al CASALETTO in via del Casaletto, 691.
Assistenti alla regia : Stefania Visconti - Niki Deleonardis - Mariangela Iula - Rocco M. Franco - Fotografo di scena : Alessandro Grande
Interpretii: Alessandro Ananasso, Guido Riggio, Laura Monaco, Stefania Visconti, Giovanna Pantano, Alessandra Coliva, Carol Lauro, Niki Deleonardis, Michele Fazzitta, Mariangela Iula, Ivana Bucci, Astrid Filippi, Carola Tangari, Rocco M. Franco, Valerio De Angelis, Ingrid Mauretti, Patrizia Laneri, Giulia Gallone, Eleonora Cucciarelli, Eva Tonti, Antonio Gargiulo, Davis Tagliaferro, Mario Pennacchietti, Riccardo Polimeni
Note di regia: "Sogno di una notte di mezza estate" è un testo che sento particolarmente vicino alla mia filosofia e al percorso di vita che da due anni a questa parte ho intrapreso. Il riadattamento che ne ho fatto è alquanto insolito e molto divertente. Si tratta di una rivisitazione grottesca e surreale, uno specchio dei mie sogni e dei miei pensieri, della mia vita e della mia concezione esistenziale.
Uno spettacolo d'avanguardia che va oltre le norme, le strutture e le regole! Coloro che verranno a vedere questo "Sogno…" non devono assolutamente aspettarsi una messa in scena classica, lineare, né stereotipi, né recitazione che mette in risalto la parola, anzi questo riadattamento va contro di essa. Approdiamo dunque a Shakespeare per superare e annientare la parola stessa.
Il teatro dell'assurdo ci insegna molto e in una società come la nostra nulla ha più significato se non le sensazioni pure che noi suscitiamo, solo quelle, non le parole… le sensazioni rimangono così come le immagini che creano gli attori con i loro corpi.
Lo spettatore si troverà dinanzi ad un vero e proprio trasformismo motivato dall’impermanenza, un’incessante simbiosi tra natura e uomo, tra umano e animalesco, e ciò inevitabilmente crea intrecci di assurda comicità, sfiorando l’irreale che c’è in ognuno di noi
Mi è stato chiesto: “Perchè il superamento della parola, anzi l'annientamento della parola stessa?”
Ho risposto riportando delle frasi lette tempo fa sulle quali ho riflettuto molto : “L'unico momento per essere vivo è il momento presente… quando camminiamo, quando mangiamo, quando respiriamo possiamo sperimentare diverse possibilità di essere con noi stessi e con il mondo. OSSERVANDO, anche senza parole, ASCOLTANDO i suoni che ci circondano, senza grammatica nè regole... Cosa succede quando impariamo ad essere testimoni della nostra stessa esperienza di creare, di cantare, di danzare, di recitare, di respirare? ... di vivere? Come possiamo imparare ad essere più coscienti e essere sul mondo con più presenza...? Parlando forse? …o vivendo semplicemente osservando immagini che ci danno imput continui ma senza forzare o canalizzarne il significato?
La creatività meditativa, ci aiuta a esplorare le potenzialità energetiche del canto, della pittura, della recitazione, della musica, del creare o semplicemente del camminare, in dialogo con l' "io" che un tempo non conoscevo nè percepivo... Se rimaniamo "qui e ora", centrati sul processo creativo senza pensare al risultato, e alle parole prestabilite, possiamo semplicemete rilassarci nel sentire e nel creare...
Mi piace andare da un luogo dove l'opposto del si non sia il no, dove le scelte sono multiple... Un giorno un bambino mi ha insegnato che l'opposto del grigio può essere un grigio diverso...
Tutte le mattine, appena ti svegli, guarda quello che non vedi, ascolta quello che non senti, tocca quello che non raggiungi..." (Amélia Tavares)
Direttrice artistica dell’associazione culturale “Anime di carta in un giardino di cristallo”: Emanuela Petroni.
Skype: emanuelapetroni
Tel. 347 1444949
web site 1: www.animedicarta.net
web site 2: www.animedicarta.com
my space: http://www.myspace.com/emanuela_petroni




4 Comments
Posted on 25 Jun 2008 by elettra
 
 
 
 
 

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare
immagini e testi dal sito, a propria discrezione.
Copyright © 2002 - Tutti i diritti riservati
Copyright © 2002 - 2009 Tutti i diritti riservati
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini, Corso di Francia 211 - 00191 Roma
E-mail: info@annuariodelcinema.it P.IVA 04532781004