> NEWS
 
info@unavitaperilcinema.it
 
HOME
 
News
 
 
 
Una Vita Per il Cinema
 
 
Italy by Italy - Vera Ospitalita' Italiana
 
Ebook Planet
Un pò di tutto sui libri elettronici
www.ebookplanet.it
 
 
 
 
 
 
BRUNO FILIPPINI: UN GRADITO RITORNO
di Elettra Ferraù

– Messaggio al suo pubblico attraverso il web – Grande viaggiatore fin da bambino – I segreti della forma -

“Cari amici e fans della bella musica anni 60, con l'aggiornamento del mio sito arricchisco il mio rapporto con tutti voi, pronto a rispondere alle vostre domande, curiosità e ricordi sulla nostra musica, quella degli entusiasmanti anni sessanta (passati ma non finiti!) e quella attuale dei nostri giorni”.

Con questo bel messaggio lanciato dal sito www.brunofilippini.it, il popolare cantante che cominciò la sua ascesa giovanissimo, alla metà degli anni ’60, con una strepitosa vittoria al Festival di Castrocaro, torna dal suo pubblico, un pubblico variegato e composito composto dagli evergreen amanti della bella musica, dai nostalgici tout-court, dai giovani curiosi ed interessati a riscoprire le canzoni che cantavano i loro genitori e forse anche i nonni.
Vogliamo ricordare qualche titolo? “Sabato sera”, fresca a tuttora attualissima, “Ammore Siente”, seconda al Festival di Napoli, "L'amore ha i tuoi occhi" scritta per la principessa Soraya dal grande Gorni Kramer (a proposito, lo sapevate che Gorni è il cognome e Kramer il nome?), ed ancora “Mi sento stupido”, “La Felicità” e così via.
Recentemente Bruno Filippini si è esibito con successo al Circolo “La Ferratella” di Roma coinvolgendo un pubblico entusiasta, e spesso lo troviamo protagonista dei momenti musicali alle più belle feste, agli eventi di spicco, dove si esibisce riscuotendo applausi e consensi.

Come mai questo ritorno alla grande?, domandiamo.
“E’ tutta colpa… tutto merito del mio compagno di banco Elio Ippolito (eravamo insieme all'Istituto Tecnico Perito Industriale "Antonio Meucci" sezione Sant'Alessio all'Aventino...) che mi conosce profondamente e mi ha convinto ad intensificare l’attività. Ora Elio è il mio manager e si occupa dell’organizzazione delle mie serate musicali”.

Ami viaggiare? Quanto mondo hai visitato e quali sono i ricordi più belli?
“Ovviamente mi piace viaggiare, come a tutti. Ed ho cominciato molto presto, quando ero solista contralto nel coro della Cappella Sistina (ancora un bambino, dunque, n.d.r.), e sono stato a Manila per l’inaugurazione della nuova Cattedrale; poi fu la volta dell' Irlanda dove abbiamo tenuto magnifici concerti a Limerick, Cork e Dublino. Il concerto più memorabile fu a Vienna nelle sale del “Musikverein”, con tante richieste di bis. Ricordo che allora Monsignor Bartolucci, il custode perpetuo della Cappella Sistina, ci chiese di eseguire un mottetto che avevamo provato una sola volta e che ebbe un grandissimo successo.“In quegli anni Papa Giovanni XXIII ci riceveva spesso perché anche lui era stato un ragazzo cantore e teneva ad essere informato sulla nostra attività.
“Dopo Castrocaro – aggiunge Filippini – nel 1964 cominciarono i viaggi professionali le cui tappe più significative furono Caracas, il Messico, gli Stati Uniti. In Italia ho amato moltissimo Cortina, dove per vent’anni ho cantato e suonato al “VIP Club” di proprietà della Famiglia Cardazzi. E ho amato anche Portorotondo, dove mi esibivo all’Hotel Sporting. Sono luoghi molto vicini al mio cuore al di là della loro bellezza intrinseca”.

Festival di Sanremo: è una manifestazione ancora valida? Quali sono le differenze che rilevi maggiormente?
“A mio parere la manifestazione è ancora valida malgrado i pareri contrastanti. La formula giusta però era quella dei miei tempi, quando ci si esibiva in coppia con un artista straniero che doveva cantare in italiano la stessa canzone. La gara era molto più accesa e tutti si mettevano direttamente in discussione. Oggi è soltanto una vetrina per lanciare qualche giovane, anche perché non c’è altro modo, visto che le case discografico sono ridotte al lumicino… Gli artisti più conosciuti non partecipano al Festival e inoltre mancano i bravi autori, ma soprattutto non ci sono più gli editori disposti ad investire sui giovani autori… E’ un po’ il cane che si morde la coda…”

Qual è il segreto della tua forma smagliante? Ginnastica, dieta equilibrata o Madre Natura?
“E’ semplice, – risponde Bruno Filippini – bisogna combinare bene tutte e tre le cose: è importante condurre una vita tranquilla, evitando il più possibile lo smog cittadino, praticando sport e frequentando palestra e piscina. A me tutto questo ha giovato”.

Nelle foto: Bruno Filippini con il suo Manager Elio Ippolito, Giuliano dei Notturni e, più sotto con Wilma Goich.
0 Comments
Posted on 23 Mar 2010 by elettra
 
 
 
 
 

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare
immagini e testi dal sito, a propria discrezione.
Copyright © 2002 - Tutti i diritti riservati
Copyright © 2002 - 2009 Tutti i diritti riservati
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini, Corso di Francia 211 - 00191 Roma
E-mail: info@annuariodelcinema.it P.IVA 04532781004