> NEWS
 
info@unavitaperilcinema.it
 
HOME
 
News
 
 
 
Una Vita Per il Cinema
 
 
Italy by Italy - Vera Ospitalita' Italiana
 
Ebook Planet
Un pò di tutto sui libri elettronici
www.ebookplanet.it
 
 
 
 
 
 
IL TOURFILMFESTIVAL DELLA BOSNIA 2012




UN MESSAGGIO DI PACE E CONVIVENZA FRA I POPOLI

SARAJEVO - Appena un mese fa si svolse a Sarajevo un importante incontro interreligioso internazionale promosso dalla Comunità di S. Egidio, con la partecipazione di rappresentanti delle varie religioni da tutto il mondo e a conclusione del quale il ministro italiano Riccardi additò quella che era stata la città martire durante il conflitto dei Balcani, come esempio per l'Europa di convivenza fra le varie etnie, culture e religioni diverse.

Ora, sempre dalla Bosnia, in occasione del 6° Jahorinafest, il Festival Internazionale del Film Turistico, che si è svolto a Pale, nei pressi di Sarajevo, il presidente onorario Antonio Conte, cofondatore unitamente a Mirko Despic, ha rinnovato e rilanciato quello che da sempre è lo slogan che caratterizza questi festival creati in diversi Paesi, vale a dire «Cinema e Turismo come strumento per la conoscenza, la comprensione e la pace fra i popoli».
Hanno partecipato registi e produttori di oltre trenta Paesi di tutti i continenti con oltre cento film. E con loro illustri rappresentanti delle istituzioni, come il Presidente del Consiglio della Repubblica Serba Alexandar Dzombic, che ha aperto l'evento internazionale, il Presidente della Camera dei Deputati della Bosnia Bosko Tomic, il Ministro per il Turismo Bakir Ajanovic, i sindaci di Sarajevo Alija Behmen e di Pale Vinko Radovanovic, oltre agli ambascatori di Francia, Brasile, Polonia e Iran.
Il Grand Prix Jahorinafest, che prende il nome dalla montagna ove si tennero i Giochi Olimpici di Sarajevo negli anni sessanta, è andato al film Blagoslov del regista iraniano Medhi Moradi Haghighi. Per la sessione short si è classificato al primo posto «Una» di Hasan Armaturovic. Per il turismo sostenibile i preni sono andati al francese Carlos Lascano per il film «A Shadow of Blue» e all'iraniano Fatollah Amiri per il filmato «In search for Persian Leopard».
Altri riconoscimenti hanno ricevuto il bosniaco Dinno Cassolo per “Sky”; la tedesca Susan Reichembah per “Cevennes"; il serbo Nebosia Ilic per “Moby Dick” e l'austriaco Adriano Bottaro.
Grazie al Turismo Religioso sviluppatosi in seguito alle apparizioni della Madonna nel villaggio di Medjugorie e di cui si avvantaggiano anche altri centri della Bosnia, soprattutto Mostar e Sarajevo, la Bosnia è visitata annualmente da circa tre milioni di turisti, ai quali si aggiungono i businessmen delle molteplici aziende straniere delocalizzate che hanno trovato convenienza ad investire in Bosnia. Ma al turismo religioso si aggiunge l'abbondanza delle foreste e delle terme circondate da chilometri di parchi. Una voce importante, quindi il turismo nell'economia del Paese che punta sempre più a farlo diventare fattore trainante del bilancio dello Stato.
Una grande attenzione è posta dalle Istituzioni alla tutela dell'ambiente per cui viene sempre più incentivato il turismo sostenibile, anche con la creazione di agriturismi che privilegiano i prodotti naturali biologici del proprio territorio.

Nelle foto: Il gruppo dei premiati; Il Presidente Onorario Antonio Conte consegna il Premio alla Carriera per il Turismo ai sindaci di Sarajevo Behmen e di Pale Radovanovic; Il Presidente del Consiglio Alexandar Dzombic e Mirko Despic direttore del Festival.

0 Comments
Posted on 31 Oct 2012 by elettra
 
 
 
 
 

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare
immagini e testi dal sito, a propria discrezione.
Copyright © 2002 - Tutti i diritti riservati
Copyright © 2002 - 2009 Tutti i diritti riservati
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini, Corso di Francia 211 - 00191 Roma
E-mail: info@annuariodelcinema.it P.IVA 04532781004